HOME  |   PAVIMENTI IN LEGNO  |   LEGNO

Larice per esterni

essenza
L'ALBERO

Il larice è una pianta che appartiene alla famiglia delle Pinaceae. Il genere Larix comprende numerose specie, tra le più comuni: Larix decidua, Larix europaea, Larix excelsa. Si tratta di una conifera a foglia decidua e aghiforme, assume una colorazione verde intenso nei mesi primaverili ed estivi e rosso dorata nel periodo autunnale. Il larice è particolarmente diffuso nell’Europa centrale e specie nell’arco alpino, alcuni esemplari ultracentenari superano i quaranta metri di altezza e i sei metri di diametro. Il tronco è dritto e ramificato già quasi dalla base, la corteccia diventa rugosa con l’invecchiamento della pianta e presenta delle screpolature verticali. L’alburno del larice è biondo pallido, il durame tende invece al rosso. La pianta tende a produrre molta resina, questa caratteristica influenzerà l’aroma e le qualità fisiche del legno.

PROVENIENZA
Europa
Austria, Siberia
IL LISTONE

I pavimenti in larice hanno una lunga resistenza nel tempo, ma non sono particolarmente duri e devono essere preservati da possibili traumi e scalfitture. La buona resistenza agli agenti atmosferici rende il legno del larice adatto per opere di pavimentazione all’esterno, inoltre è da considerare come il legno di larice possieda un’ottima resistenza alle sollecitazioni meccaniche. Il larice possiede una fibratura dritta e fine, i canali resiniferi sono ben marcati ed evidenti e caratterizzano la texture del pavimento. Le essenze resinose conferiscono al legno un profumo piacevole e inconfondibile. Il larice naturale ha due principali tonalità una bruna tendente al rosso (Larice austriaco) e l’altra bianca con riflessi biondo pallido (Larice siberiano).

CONTATTACI
DETTAGLI TECNICI
CARATTERISTICHE FISICHE DELL’ESSENZA
DOMANDE E RISPOSTE

Piallare

Piallare è sempre stata una delle arti manuale che dominava il falegname. Oggi la piallatura di un pavimento può avvenire a mano o a macchina. La differenza tra la personalità e la precisione unita all’uniformità.
DOMANDE FREQUENTI